Autore Sandro De Amicis

Ha svolto l’attività di bibliotecario presso il Consorzio Biblioteche di Viterbo. Si interessa di storia contemporanea, in particolare, ai movimenti politici del novecento. Ha pubblicato nella rivista del Consorzio Biblioteche , “Biblioteca e Società”: “Fascismo e burocrazia a Viterbo negli ani 30” (1990, nn.3-4); sulla rivista “Culture del testo e del documento”, il saggio: “Lettura e censura a Viterbo negli anni 30” (Vecchiarelli, 2000). Ha collaborato alla realizzazione del libro di Giovanna Strich: Passaggi in Europa 1930-1960 (Annulli, 2007). Ha pubblicato per i tipi di Sette Città: “Viterbo in prima pagina. Stampa, opinione pubblica e partiti in età liberale” (Sette Città, 2013). Nel 2015 in “Biblioteca e società”, sul tema dei prigionieri italiani nella Prima Guerra Mondiale, “Appunti di guerra. Il Taccuino di disegni inedito di Gemino Luzi” (2015, n. 1/4).

Un progetto editoriale riguardante la storia di Viterbo e della provincia dal medioevo all’età contemporanea. Obiettivo: superare la rigida divisione specialistica ancora esistente negli studi e proiettare la storia della città di Viterbo e della Tuscia oltre i confini della storia locale.