Stefano Pifferi è ricercatore confermato in Italianistica presso il DISUCOM (Dipartimento di Scienze Umanistiche, del Turismo e della Comunicazione) dell’Università degli Studi della Tuscia – Viterbo, dove insegna “Letteratura Italiana” e “Letteratura italiana di viaggio” nel corso di laurea in Lettere. È membro del CIRVI (Centro Interuniversitario di Ricerche sul Viaggio in Italia), del Centro Interdisciplinare di Ricerca sul Viaggio dell’Unitus, del gruppo di ricerca RRR (Rivoluzione Restaurazione Risorgimento), del comitato di redazione di Carte di Viaggio (Serra Editore), ecc..

Si occupa prevalentemente di odeporica della tarda Età Moderna sia sul fronte teorico-critico che su quello letterario-documentale, non disdegnando incursioni nel tardo ’900: in questo ambito si è occupato degli aspetti formali dello scrivere di viaggio, della guidistica romana, della percezione del paesaggio, delle biblioteche digitali sul viaggio, così come di viaggiatori-scrittori atipici come Baretti, Malpica, Imbriani, Wu Ming, Brizzi. Al di fuori dell’ambito odeporico si è interessato di riviste letterarie del primo Ottocento, di romanzo storico, di letteratura distopica novecentesca su cui ha scritto saggi su Volponi, De Maria, Alvaro. 

9788878530379
Viaggiatori, penitenti, pellegrini a Roma
Due giubilei a confronto in testi inediti e/o rari
9788878532472
Odeporica 2.0.
La scrittura di viaggio e i new media. Qualche riflessione a margine
9788878532229
Viaggio e identità dei luoghi.
Immagini della Tuscia

a cura di: Stefano Pifferi
9788878537644
Storie di viaggi, viaggi nella storia
Studi in onore di Gaetano Platania
9788878532236
Viaggio e identità dei luoghi
Immagini della Tuscia

a cura di: Stefano Pifferi
9788878532755
Libri di viaggio, libri in viaggio
Studi in onore di Vincenzo De Caprio
9788878533417
Sentieri ripresi
Studi in onore di Nadia Boccara

a cura di: Stefano Pifferi
9788878533790
Una vedova e un mistero
Storia del XIX narrata e imitata da Cesare Malpica

Un formato agile, curato e facilmente consultabile in cui ritrovare l’ampiezza di argomenti e tematiche che ogni lettore ritrova nella propria biblioteca.