Sentieri ripresi
Studi in onore di Nadia Boccara
a cura di: Stefano Pifferi

2013
Collana CIRIV
Pagine 406

€ 25.00

Formato Libro
Formati disponibili
Libro: 9788878533417
Ebook: 9788878535046

Il libro è acquistabile presso i seguenti venditori:

Raccogliamo in questo omaggio a Nadia Boccara una serie di testi che i colleghi e amici dell’allora Facoltà di Lingue e dell’attuale Dipartimento di Scienze Umanistiche, del Turismo e della Comunicazione hanno fortemente voluto per celebrare gli intensi anni passati insieme e per donare una ennesima dimostrazione di stima, affetto e riconoscenza. Gli articoli qui raccolti sono incentrati non tanto sugli approfondimenti filosofici sui quali Nadia Boccara ha basato buona parte della sua carriera accademica, quanto quelli legati al secondo amore della nostra collega: quello cioè del viaggio e della scrittura di viaggio da intendersi come momento di scoperta dell’altro e del diverso, ma per converso, anche di conoscenza e approfondimento di sé. Storici, letterati, anglisti, francesisti, lusitanisti e quant’altri trovano infatti sul terreno comune delle esperienze di viaggio quel luogo immateriale di incontro e confronto che Nadia Boccara ha sempre frequentato. 

Premessa
Pag. 7
Introduzione
Pag. 9
The Enigma of Arrival. In viaggio con V.S. Naipaul verso l’inaspettato cuore di tenebra
Pag. 13
Un rappresentante del papa di Roma alla corte di Varsavia: la Relazione di Monsignor Galeazzo Marescotti in viaggio per la Polonia.
Pag. 33
Spazio e viaggio nel Pan Tadeusz di Adam Mickiewicz
Pag. 57
Le mura poligonali: nella scienza e nell’arte. Giambattista Brocchi e Marianna Dionigi
Pag. 73
Joseph Addison e Livorno, porto franco d’Italia
Pag. 85
Lo sguardo di Luigi Ciofi degli Atti
Pag. 99
Viaggiando per la Tuscia tra Risorgimento e Restaurazione
Pag. 109
Le guide postali del Seicento e le strade che portano a Roma
Pag. 123
Dal Somerset alla corte del Gran Mogol: l’ultimo viaggio di Thomas Coryate, l’instancabile camminatore di Odcombe
Pag. 157
I viaggi di Swift tra le parole del moderno
Pag. 179
Varietà italiana in Paul Valéry
Pag. 193
Tamasha. Théâtralités dans le miroir: France et Perse au XVIIème siècle
Pag. 215
I am a bluestocking, if to love knowledge better than ignorance entitles me to the name
Pag. 225
Controcorrente: tre opere italiane di James Barry
Pag. 243
Il passaggio in Italia di Maria Anna D’Asburgo nella relazione di Naborio Grazioli (1631)
Pag. 259
La guidistica romana tra ’700 e ’800. Dinamiche interne, elaborazioni formali, modalità informative nelle opere di Giuseppe Vasi e Cesare Malpica
Pag. 281
Diplomatici moscoviti a Roma (1673)
Pag. 299
La regolarizzazione e l’istituzione degli studi di arabistica in Portogallo: un viaggio diacronico dagli albori all’epoca contemporanea
Pag. 321
Dal fiume Wouri al rio dos Camarões: non solo gamberi lungo la linea vulcanica del Camerun
Pag. 341
Camille de Tournon, prefetto napoleonico del Tevere, e il Viterbese
Pag. 357
Viaggio in Umbria, Marche e Romagna (1844) e Viaggio da Perugia a Roma (estate 1844) di Giancarlo Conestabile della Staffa, studioso d’arte.
Pag. 375
Amleto, il teschio, il burattino e una riflessione sul “non essere”
Pag. 385
L’immagine di Parigi nei romanzi di Manuela Gretkowska
Pag. 399